Studio Dental Beauty Salerno,Battipaglia e Sarno

Dr.ssa Alessia Maione: Come migliorare il proprio sorriso.

HOME PAGE
NEWSLETTER
TESTIMONIALS

HOME PAGE

NEWSLETTER

TESTIMONIALS



Alimenti che fanno bene ai denti e combattono la carie

Come migliorare il proprio sorriso Dr.ssa Alessia Maione

Esiste una stretta correlazione tra la salute dei denti e gli alimenti che essi debbono masticare. A tal proposito, i cibi ingeriti possono essere distinti in: cariogeni: risultano lesivi per il dente ed aumentano sensibilmente il rischio carie; cariostatici: azione neutra, non hanno effetto diretto sulla carie; anticariogeni: contrastano la formazione della carie.




Tra gli alimenti anticariogeni rientrano in generale tutti quei cibi che: richiedono una masticazione più robusta, durante la quale detergono e massaggiano meccanicamente denti e gengive; contengono minerali preziosi per la salute dello smalto, come calcio e fluoro; favoriscono la crescita di batteri benefici nel cavo orale; non sono appiccicosi (non si attaccano ai denti e al bordo gengivale); non sono acidi; hanno un contenuto di zuccheri nullo o estremamente basso.


Esempi di alimenti che fanno bene ai denti e combattono la carie: Frutta fresca non troppo acida e non zuccherina (pere e mele con buccia); Frutta secca a guscio (mandorle, nocciole, noci...); Verdure fibrose e crude (es. carote, lattuga, finocchi, peperoni...); Formaggi stagionati, latte e latticini; Acqua e bevande senza zucchero e alcaline (contrastano l'acidità del cavo orale, rimuovono i residui di cibo e, a seconda della composizione, possono apportare minerali preziosi come il calcio e il fluoro); Cibi di consistenza elevata.


Una menzione particolare va fatta per gli alimenti ricchi di fluoro (come il tè o le mele); ricchi di calcio (come il latte, i latticini e i formaggi, ma anche i semi e altri alimenti di origine vegetale) e fosforo; ricchi di vitamina C (fondamentale per la sintesi di collagene e il benessere delle gengive); ricchi di vitamina A (fondamentale per lo smalto); con proprietà antibatteriche (come la cipolla o l'aglio, mirtilli masticati crudi). Per quanto riguarda i chewing-gum senza zucchero, questi possono essere considerati "alimenti" anticariogeni. Lo xilitolo, ormai onnipresente in questi prodotti, pur avendo un certo potere rinfrescante e dolcificante non viene attaccato dai batteri della placca ed esercita una blanda attività antibatterica.


Inoltre, la masticazione dei chewing-gum stimola la produzione di saliva, la quale favorisce la detersione e la rimozione dalle superfici dentali dei residui alimentari, oltre ad espletare un'azione ?disinfettante? nei confronti dei batteri. Ovviamente, le gomme da masticare non possono e non devono sostituire una corretta igiene orale con spazzolino, dentifricio e filo interdentale. Gli alimenti anticariogeni andrebbero consumati preferibilmente alla fine del pasto e come spuntini. Inoltre, se abbinati a cibi cariogeni (perché appicicosi, molto acidi, ricchi di zuccheri ecc.) ne riducono gli effetti dannosi.

Prenota una visita.
Chiamaci al 327 9730 281



CHIUDI PAGINA






Alimenti che fanno bene ai denti e combattono la carie

Come migliorare il proprio sorriso Dr.ssa Alessia Maione

Esiste una stretta correlazione tra la salute dei denti e gli alimenti che essi debbono masticare. A tal proposito, i cibi ingeriti possono essere distinti in: cariogeni: risultano lesivi per il dente ed aumentano sensibilmente il rischio carie; cariostatici: azione neutra, non hanno effetto diretto sulla carie; anticariogeni: contrastano la formazione della carie.




Tra gli alimenti anticariogeni rientrano in generale tutti quei cibi che: richiedono una masticazione più robusta, durante la quale detergono e massaggiano meccanicamente denti e gengive; contengono minerali preziosi per la salute dello smalto, come calcio e fluoro; favoriscono la crescita di batteri benefici nel cavo orale; non sono appiccicosi (non si attaccano ai denti e al bordo gengivale); non sono acidi; hanno un contenuto di zuccheri nullo o estremamente basso.


Esempi di alimenti che fanno bene ai denti e combattono la carie: Frutta fresca non troppo acida e non zuccherina (pere e mele con buccia); Frutta secca a guscio (mandorle, nocciole, noci...); Verdure fibrose e crude (es. carote, lattuga, finocchi, peperoni...); Formaggi stagionati, latte e latticini; Acqua e bevande senza zucchero e alcaline (contrastano l'acidità del cavo orale, rimuovono i residui di cibo e, a seconda della composizione, possono apportare minerali preziosi come il calcio e il fluoro); Cibi di consistenza elevata.


Una menzione particolare va fatta per gli alimenti ricchi di fluoro (come il tè o le mele); ricchi di calcio (come il latte, i latticini e i formaggi, ma anche i semi e altri alimenti di origine vegetale) e fosforo; ricchi di vitamina C (fondamentale per la sintesi di collagene e il benessere delle gengive); ricchi di vitamina A (fondamentale per lo smalto); con proprietà antibatteriche (come la cipolla o l'aglio, mirtilli masticati crudi). Per quanto riguarda i chewing-gum senza zucchero, questi possono essere considerati "alimenti" anticariogeni. Lo xilitolo, ormai onnipresente in questi prodotti, pur avendo un certo potere rinfrescante e dolcificante non viene attaccato dai batteri della placca ed esercita una blanda attività antibatterica.


Inoltre, la masticazione dei chewing-gum stimola la produzione di saliva, la quale favorisce la detersione e la rimozione dalle superfici dentali dei residui alimentari, oltre ad espletare un'azione ?disinfettante? nei confronti dei batteri. Ovviamente, le gomme da masticare non possono e non devono sostituire una corretta igiene orale con spazzolino, dentifricio e filo interdentale. Gli alimenti anticariogeni andrebbero consumati preferibilmente alla fine del pasto e come spuntini. Inoltre, se abbinati a cibi cariogeni (perché appicicosi, molto acidi, ricchi di zuccheri ecc.) ne riducono gli effetti dannosi.

Prenota una visita.
Chiamaci al 327 9730 281



CHIUDI PAGINA






Alimenti che fanno bene ai denti e combattono la carie

Come migliorare il proprio sorriso Dr.ssa Alessia Maione

Esiste una stretta correlazione tra la salute dei denti e gli alimenti che essi debbono masticare. A tal proposito, i cibi ingeriti possono essere distinti in: cariogeni: risultano lesivi per il dente ed aumentano sensibilmente il rischio carie; cariostatici: azione neutra, non hanno effetto diretto sulla carie; anticariogeni: contrastano la formazione della carie.




Tra gli alimenti anticariogeni rientrano in generale tutti quei cibi che: richiedono una masticazione più robusta, durante la quale detergono e massaggiano meccanicamente denti e gengive; contengono minerali preziosi per la salute dello smalto, come calcio e fluoro; favoriscono la crescita di batteri benefici nel cavo orale; non sono appiccicosi (non si attaccano ai denti e al bordo gengivale); non sono acidi; hanno un contenuto di zuccheri nullo o estremamente basso.


Esempi di alimenti che fanno bene ai denti e combattono la carie: Frutta fresca non troppo acida e non zuccherina (pere e mele con buccia); Frutta secca a guscio (mandorle, nocciole, noci...); Verdure fibrose e crude (es. carote, lattuga, finocchi, peperoni...); Formaggi stagionati, latte e latticini; Acqua e bevande senza zucchero e alcaline (contrastano l'acidità del cavo orale, rimuovono i residui di cibo e, a seconda della composizione, possono apportare minerali preziosi come il calcio e il fluoro); Cibi di consistenza elevata.


Una menzione particolare va fatta per gli alimenti ricchi di fluoro (come il tè o le mele); ricchi di calcio (come il latte, i latticini e i formaggi, ma anche i semi e altri alimenti di origine vegetale) e fosforo; ricchi di vitamina C (fondamentale per la sintesi di collagene e il benessere delle gengive); ricchi di vitamina A (fondamentale per lo smalto); con proprietà antibatteriche (come la cipolla o l'aglio, mirtilli masticati crudi). Per quanto riguarda i chewing-gum senza zucchero, questi possono essere considerati "alimenti" anticariogeni. Lo xilitolo, ormai onnipresente in questi prodotti, pur avendo un certo potere rinfrescante e dolcificante non viene attaccato dai batteri della placca ed esercita una blanda attività antibatterica.


Inoltre, la masticazione dei chewing-gum stimola la produzione di saliva, la quale favorisce la detersione e la rimozione dalle superfici dentali dei residui alimentari, oltre ad espletare un'azione ?disinfettante? nei confronti dei batteri. Ovviamente, le gomme da masticare non possono e non devono sostituire una corretta igiene orale con spazzolino, dentifricio e filo interdentale. Gli alimenti anticariogeni andrebbero consumati preferibilmente alla fine del pasto e come spuntini. Inoltre, se abbinati a cibi cariogeni (perché appicicosi, molto acidi, ricchi di zuccheri ecc.) ne riducono gli effetti dannosi.

Prenota una visita.
Chiamaci al 327 9730 281



CHIUDI PAGINA





 PAGINE [ più recente: 2 ] [ archivio: 1 - ]
Powered by MMS - © 2019 EUROTEAM